10172019Headline:

BitrittOnline, un microfono aperto a tutti

C’è tanta voglia di dire la tua in questo paese.

E’ solo questa la missione che si pone BitrittOnline: dare voce ai senza voce.

Abbiamo percepito che nel nostro paese c’è una sentita voglia di esserci, di essere oggettivamente informati, di essere cittadini attivi e sovrani.

Oltre quaranta le Associazioni, ben diciotto le pagine facebook aperte spontaneamente nel nostro paese che vogliono parlare di Bitritto. BitrittOnline ha l’ambizione di intercettare tutta questa voglia di confronto e di incanalarla verso il giusto fine: quello del bene comune, della pacifica convivenza e della virtuosa integrazione.

 

Dopo le vivaci stagioni di Vie Nuove, Icare, Camminando, Liberamente, e la breve esperienza de La Voce del paese, Bitritto è rimasta afona, a volte sintonizzata su “frequenze disturbate”.

Adesso è giunta l’ora. Un gruppo di cittadini che vuol bene a questo paese, disinteressati, volontari della buona informazione, vuole rispondere a questo prolungato silenzio cittadino e osa scendere nell’agorà con le modalità che caratterizzano i nostri tempi. La piazza sarà pertanto virtuale solo nel senso tecnico ma ampiamente umana dal punto di vista delle relazioni, dell’ascolto e del confronto.

Confronto aperto a tutti coloro che hanno a cuore il nostro paese, che lo desiderano bello, vivibile, accogliente, sicuro, affiatato. Un paese che amalgama virtuosamente nativi ed immigrati, che dal loro contagio viene fuori una comunità aperta al confronto, vivace nelle iniziative, moderna nella visione. Che sappia mischiare sapientemente tradizione ed innovazione. Alle porte della metropoli ma non sobborgo del capoluogo.

 

Questo vuol essere BitrittOnline, una specie di speak corner ove ognuno, singolo o associato, possa salire sullo “sgabello” e dire la sua. Intelligentemente, moderatamente, con pertinenza e con galateo. Giammai BitrittOnline potrà essere l’altoparlante di qualcuno o di gruppi di interesse, senza alcuna sudditanza ma con obiettività e moderazione daremo spazio a tutto ciò che accade sul nostro territorio servendoci di tutti i canali che a noi vorranno convogliare e, perché no, dire anche la nostra.

 

BitrittOnline vuole essere anche un tenue filo con i tanti bitrittesi sparsi per il mondo. La modalità virtuale agevola questa vicinanza e ne accorcia le distanze. Con loro vogliamo mantenere viva il legame affettivo che loro nutrono verso il paese natio.

BitrittOnline vuole essere la fotografia di un paese vivo non ripiegato su se stesso, al passo con i tempi della modernità ma fortemente orgoglioso delle proprie radici.

Col vostro aiuto ci riusciremo, ci contiamo molto.

Alziamo le vele, partiamo.

 

giuseppe antonelli

direttore editoriale     

What Next?

Recent Articles

2 Responses to "BitrittOnline, un microfono aperto a tutti"

  1. vito iacobazzi ha detto:

    Caro Direttore,
    tutte le iniziative che danno voce ai cittadini sono un fatto positivo per la collettività. Quinfi un benvenuto a Bitrittonline. Le finestre della home-page sono molte e tutte potenzialmente utili per i bitrittesi e non che ne vogliano fare uso. Le tradizioni, il vivere a Bitritto, la foto-gallery, ecc sono molto coreografiche, ma spesso sono solo celebrative e nostalgiche.
    Nelle finestre della home-page, a mio avviso, ne manca una molto importante. Manca una finestra sulla politica del governo locale. Un giornale locale deve anche essere voce critica, voce che stimola, voce che tiene alta l’attenzione sui problemi locali…Questioni come il piano regolatore ancora disatteso (centinaia di bitrittesi pagano da anni l’IMU per beneficienza!), l’asilo Zuccaro (vergogna di questo paese !), gli uffici della ASL fantasmi, ecc devono avere ampio risalto nel giornale. Il giornale deve essere sempre impegnato con una sua posizione chiara dalla parte dei cittadini. Il giornale deve impegnarsi anche a promuovere iniziative, inchieste su argomenti sociali anche scottanti (ad esempio, qualcuno si è mai posto il problema se a Bitritto c’è usura o si paga il pizzo ? qual è la reale consistenza del problema della droga ?) Qualcuno dirà che la politica non deve entrare nel giornale. Non diciamo fesserie: la politica ci tocca dalla mattina alla sera, in ogni nostra attività…
    Nell’attesa di capire cosa vuole essere questo giornale, porgo a te e agli altri i miei saluti e auguri.
    Vito Iacobazz

    • bitrittonline ha detto:

      Gentilissimo Vito Iacobazzi, grazie per la sua puntualizzazione che dimostra quanto è vivo il Suo interesse per la nostra città, Bitritto!
      Come si immaginerà, avendole pensate e poi strutturate, riteniamo che tutte le finestre della Home page abbiano la stessa importanza: se saranno coreografiche o meno lo si vedrà dal successo che otterranno!
      Ci pare molto interessante anche la seconda parte della Sua missiva nella quale chiede un inserimento della politica nel nostro giornale; ovviamente non possiamo che essere d’accordo su tale opportunità alla quale tuttavia bisogna “mettere le gambe” e farla camminare.
      Fino ad oggi non ci è ancora pervenuto nessun articolo , seriamente documentato, che si occupasse dei problemi da Lei così chiaramente elencati. Neppure le ripetute offerte di spazi di dibattito o di pubblicazione dei loro programmi ai contendenti alla poltrona di sindaco hanno avuto alcuna risposta da parte degli interessati.
      Ma non disperiamo, qualora articoli di tal genere afferissero alla nostra redazione, saremmo ben lieti di pubblicarli in quanto anche noi riteniamo, come ben dice, che tutto sia politica.
      Lei ci chiede altresì quali vogliono essere gli intenti del nostro giornale: come dichiara il sottotitolo, esso vuole “dare voce” a chi spesso non viene ascoltato e talvolta, conseguentemente, neppur udito.
      Le strade che prenderà non le può conoscere nessuno poiché nessuno può conoscere ora cosa accadrà nel futuro e quali saranno i nostri destini.
      Le confessiamo che noi stessi attendiamo, con un briciolo di curiosità e con tanta fiducia, di vedere dove ci porteranno le “voci” di BITRITTONLINE, tra le quali, graditissima e stimolante, è , e speriamo continui ad esserci, anche la Sua!
      Mariagraziella BELLOLI