12072019Headline:

PASSA DA BITRITTO LA COSTRUZIONE DELL’EUROPA DEI POPOLI

 

Concluso nel nostro Paese il terzo meeting del Progetto COMENIUS con Polonia, Romania, Turchia e Portogallo.

 

A volte l’Europa ci sembra un’entità astratta, lontana, una zavorra di cui liberarsi, un’Istituzione costosa che si occupa solo di  fissare le norme per cui un olio possa definirsi extravergine.

Invece no. Bastava essere presenti a Bitritto in questa settimana appena conclusa per rendersi conto della inconsistenza di queste convinzioni e di come l’Europa ci è molto vicina.

Occorre più Europa! L’Europa dei popoli certamente, non quella della finanza e del mercato selvaggio.

Popoli che si arricchiscono della loro diversità e fanno di questa il loro punto di forza. La diversità di lingue, culture, usi, costumi, tradizioni, fanno dell’Europa un arcobaleno di pace e un unico giacimento culturale.

In questi giorni presso l’Istituto Comprensivo “Alighieri-Modugno” di Bitritto, sono confluiti per il terzo meeting del progetto Comenius “Handicrafts in Europe. Clever hands up!”, docenti e studenti delle quattro scuole europee partners. I ragazzi stranieri unitamente ai nostri alunni hanno potuto cogliere le radici comuni che legano i Paesi partecipanti. Il filo rosso che li ha uniti è stato lo studio e la produzione di manufatti realizzati dalla creatività umana di questi popoli. Manufatti che hanno permesso ai ragazzi di cogliere le somiglianze, gli usi, la manifattura, e quindi dedurre  il comune substrato culturale che ha unito nei secoli i cinque Paesi partecipanti al progetto che è stato coordinato dalle docenti di lingua inglese Natalia Stellacci e Raffaella Liguori.

Paesi che guardano con fascino all’Italia come culla del bello e della civiltà, e l’accoglienza calorosa dei bitrittesi non li ha delusi.

Encomiabile la collaborazione e l’ospitalità ai ragazzi offerta dalle famiglie bitrittesi che hanno saputo creare sin dal loro arrivo un ambiente cordiale e amichevole ai piccoli ospiti stranieri.

Elevata  la qualità didattico-formativo dimostrata dalla struttura scolastica bitrittese. Seppur nella ristrettezza di risorse il team scolastico, coordinato dalla sapiente regia di Anna Cantatore, Dirigente Scolastico del nostro Istituto Comprensivo, ha mostrato una sintonia e un concorde spirito di squadra che ha mostrato il meglio della italica ingegnosità e della qualità formativa.

Particolarmente apprezzato da tutti gli ospiti stranieri, docenti e studenti, il patrimonio storico-ambientale che hanno potuto godere visitando le città di Lecce e Bari, Polignano, Putignano, Alberobello, Sannicandro.

La permanenza nella nostra comunità ha avuto anche la parentesi istituzionale con l’incontro con i nostri Amministratori Comunali e con la visita al Castello e al centro storico.

E’ doveroso fermarsi a riflettere come mentre il mondo era rimasto attonito alla notizia delle bombe che attentavano alla pacifica convivenza nella città di Boston, città simbolo della gioiosa diversità americana, qui a Bitritto, sul vecchio continente, si sperimentava che la convivenza tra diversi è possibile, anzi è godibile.

I ragazzi e le nuove generazioni sono stati gli attori principali, a loro il compito di costruire un nuovo mondo senza frontiere e senza rancori. Un altro mondo è possibile costruendo un’unica famiglia umana. All’ingresso del nostro Paese una nuova targa: Bitritto, città del dialogo e della tolleranza.

 

 

Scuole Comenius Partners

Secondary School Veresti (Suceava – Romania)

Aksemseddin Primary School (Konya – Turchia)

Istituto Comprensivo “Alighieri-Modugno” (Bitritto – Italia)

Basic School “Antonio Soares dos Reis” (Gaia Porto – Portogallo)

The Robert Schuman State Middle School No. 14  (Lodz – Polonia)

 

 

 

What Next?

Recent Articles