12132019Headline:

BITRITTO: PARTONO I BASTIMENTI PER TERRE ASSAI LONTANE

 

Famiglia tipica di Bitritto

Famiglia tipica di Bitritto

di GIUSEPPE ANTONELLI

Emozioni, ricordi struggenti, ritorno con la mente a come eravamo, da dove eravamo partiti, questo l’effluvio di emozioni che domani si respirerà alla presentazione dell’ultimo lavoro di VITO DE BELLIS. “Mondo contadino ed emigrazione a Bitritto tra ‘800 e ‘900” (Wip Edizioni), è il titolo dell’opera del nostro concittadino che attraverso l’analisi storica del fenomeno migratorio e le testimonianze dirette dei protagonisti di quella tragica epopea, passa in rassegna lo spaccato di una realtà misconosciuta o volutamente rimossa. Il De Bellis attraverso fotografie, documenti, interviste agli “attori” viventi di quell’amara avventura ci mostra un paese afflitto da condizioni di estrema miseria sociale ed economica che trova nell’emigrazione verso terre lontane la soluzione alla sopravvivenza e alla dignità calpestata. Il nuovo mondo i Bitrittesi lo cercano negli Stati Uniti (Chicago, Detroit, in California), in Canada (Toronto e Vancouver), in Argentina, in Venezuela, in Messico, in Australia. Più tardi anche l’Europa è meta per tanti bitrittesi: la Germania, il Belgio, la Francia, la Svizzera. Ad ogni latitudine “l’homo bitrictus” si fa notare per l’intraprendenza, la creatività, approdando non di rado ad elevate posizioni di successo imprenditoriale.

E’ grazie ai nostri emigrati che il nostro paese è uscito gradualmente dalla miseria, le loro rimesse economiche frutto di stenti e sacrifici, hanno permesso a Bitritto la trasformazione agricola, lo sviluppo edilizio, l’avvio di attività commerciali. E’ doveroso da parte delle nuove generazioni un meritorio riconoscimento a questi pionieri che, muniti di un sol fagotto e un cartone adattato a valigia, solcarono gli oceani per conquistare una vita degna di tal nome e una dignità umana vilipesa. Quest’ultimo lavoro del Prof. De Bellis è la fotografia di un riscatto sociale, di una testarda forza di volontà che, auguriamoci, possa contagiare le nuove generazioni.

Appuntamento domani sera in Sala Castello, alle ore 18.30, il libro sarà presentato dalla Prof.ssa ROSA COLONNA. Saluto introduttivo del Sindaco, VITO LUCARELLI, nella sua duplice veste di primo cittadino ed anch’egli provato dall’esperienza dell’emigrazione. Obiettivo del “manuale” e il perché del tema scelto affidati alle conclusioni dell’Assessore alla Cultura, MARINA PIETRAGALLO.

Tutti siete invitati !

P1000283 RID

Un momento della presentazione del 7 maggio u.s. con l’autore Vito De Bellis, l’Assessore uscente alla Cultura Marina Pietragallo e la prof.ssa Rosa Colonna.

 

                                                                                                                    Giuseppe Antonelli

What Next?

Recent Articles